Lo sguardo di Michelangelo
02.03.2013 | 

Lo sguardo di Michelangelo

Antonioni e le arti

l'arch. Denis Zaghi e l'ing. Francesco Mascellani firmano il progetto di allestimento degli espositori documentali e di alcuni apparati scenografici per la mostra organizzata a Palazzo dei Diamanti di Ferrara in occasione della commemorazione del centenario della nascita del grande regista ferrarese.

Definito da Martin Scorsese «uno dei più grandi artisti del XX secolo, un poeta del nostro mondo che cambia», Michelangelo Antonioni (1912-2007) è uno dei padri della modernità cinematografica. La sua opera, che ha oltrepassato i confini della settima arte, è stata profondamente ispirata dalle arti figurative e ha esercitato a sua volta su di esse un notevole ascendente, come sul cinema di ieri e di oggi.

 
A celebrare il maestro ferrarese è una grande mostra, a cura di Dominique Païni – già direttore della Cinémathèque Française –, organizzata dalla Fondazione Ferrara Arte e dalle Gallerie d’Arte Moderna e Contemporanea di Ferrara-Museo Michelangelo Antonioni, in collaborazione con la Fondazione Cineteca di Bologna. La rassegna ripercorre la parabola creativa di Antonioni accostando i suoi lavori a opere di grandi artisti, come De Chirico, Morandi, Rothko, Pollock, Burri e Vedova, e offrendo un inedito e suggestivo dialogo tra film e pittura, letteratura e fotografia. 
Ricerca
loading...